The Ocean Mastermind Robin Staps in The MetalSucks Podcast # 261

Questa settimana ospitiamo il creatore di The Ocean Robin Staps. Discutiamo della registrazione di parti del nuovo album della band Phanerozoic 1: Paleozoic in Islanda, come era posare le tracce in uno studio che era una piscina, perché The Ocean pubblica sempre due album, il motivo per cui dà agli ascoltatori la possibilità di ascolta una versione strumentale delle sue canzoni, come Phanerozoic è la fine di un'era per la band, la quantità di tempo che vorrebbe per la Parte 2 prima del rilascio, perché è così difficile per le band dall'Europa andare in tour negli Stati Uniti, come l'album fisico le vendite sono ancora forti in Germania e in gran parte dell'Europa, il suo godimento del lato commerciale della musica tanto quanto quello artistico, e ciò che gli conferisce un vero senso di pace nel 2018.

Petar, Brandon e Jozalyn affrontano la tragica notizia del passaggio di Old Herbert da All That Remains e di quanto fosse importante per i suoi coetanei, e la decisione di Scott Kelly di cancellare il suo tour con Mirrors for Psychic Warfare a causa delle sue lotte con la malattia mentale.

Trasmetti l'episodio di questa settimana qui sotto. Ricordati di iscriverti al Podcast di MetalSucks su iTunes , iscriviti al nostro feed diretto o scarica direttamente questo episodio . Il Podcast di MetalSucks è un membro della rete di podcast Jabberjaw .

Canzoni:
Tutto ciò che rimane – "Chirone
The Ocean – "Devonian: Nascent"
Korpiklanni – "Kotikonnut"

Il post The Ocean Mastermind Robin Staps su The MetalSucks Podcast # 261 è apparso per la prima volta su MetalSucks .

(Fonte: MetalSucks)

Commenta su Facebook
Precedente Ozzy Osbourne annuncia il capodanno Ozzfest di Capodanno con Rob Zombie, Marilyn Manson e Altro Successivo Boy Pablo: la sensazione di internet norvegese che ride attraverso il crepacuore

Rispondi