Ice-T arrestato per l’evasione del pedaggio di ponti in veicoli non registrati

Corey Taylor non ha fatto molto oggi (o ieri ), quindi come è questo per contenuti estremamente ridicoli ma eminentemente cliccabili che sicuramente ti interesseranno?

(Plug: per favore ascolta la nuova canzone di The Ocean , e guarda il suo incredibile video musicale. Ascolta anche questa incredibile nuova canzone di SOM [membri di Costanti e Junius])

Torna alle cazzate di internet su internet regolarmente programmate che pagano le nostre fatture: il frontman dei Body Count è stato arrestato per aver evitato il pedaggio di un ponte a New York, mentre era in viaggio verso un set per Law and Order SVU questa mattina. Il suo trasmettitore EZ-Pass presumibilmente non si è registrato con lo scanner della cabina di pedaggio chiedendo ai poliziotti di trascinarlo. Dove diventa più stupido è che stava guidando un'auto sportiva McLaren non registrata, provocando l'arresto. Forza Ice, registra quella merda, mettila insieme!

TMZ ha riportato per primo la storia, che ha spinto Ice a rispondere su Twitter: "I poliziotti hanno fatto un piccolo extra. Coulda ha appena scritto un biglietto. Dentro e fuori .. Moovin. "Più tardi aggiunse:" Adoro il modo in cui la gente pensa solo perché io rappresento come un poliziotto in SVU. Ottengo un trattamento speciale da veri poliziotti … lol ".

Lì, la tua vita non è molto arricchita ora che hai le conoscenze di cui sopra? Felice di essere al servizio! Grazie per aver cliccato su questo articolo e supportato il lussuoso stile di vita di tutti gli abitanti di MetalSucks Mansion.

[via Loudwire ]

Il post Ice-T arrestato per Evading Bridge Toll in Unregistered Vehicle è apparso per la prima volta su MetalSucks .

(Fonte: MetalSucks)

Commenta su Facebook
Precedente Kat Katz si lascia Agonaphobic Nosebleed, dice che è "stanca di essere vittima di bullismo da parte dei tizi" Successivo "La carne macinata del cazzo sta per diventare senziente e iniziare a gattonare fuori dalla confezione e allontanarsi": un'intervista con Charlie Brooker

Rispondi