HBO esclude qualsiasi sequel diretto di Game of Thrones o di ritorno di personaggi

Dopo otto stagioni, l'epica saga televisiva di Game of Thrones della HBO si è finalmente conclusa dopo il terribile finale di domenica scorsa , che ha chiuso una serie di sei episodi segnati da pesanti critiche dei fan. Ora, il nostro orologio è finito, cioè fino a quando i tre successori attualmente in sviluppo non lo fanno andare in onda. In una recente intervista con Casey Bloys, The Hollywood Reporter ha parlato (o almeno ha tentato di farlo) con il presidente della programmazione a labbra strette della HBO per discutere cosa i fan possono e non dovrebbero aspettarsi da eventuali spin-off dei GoT.

Bloys ha confermato che un pilota per uno degli spettacoli – molto probabilmente il prequel di Jane Goldman ambientato 5.000 anni fa – inizierà a giugno e che altri due sono in varie fasi di sviluppo. Ha anche spiegato che il canale "non sta guardando attivamente o va oltre ciò che abbiamo nel pilot attuale" e ha offerto una risposta evasiva quando ha premuto sulle scadenze o se la HBO avrebbe persino firmato per altri tre spettacoli ispirati a GoT.

Forse, in particolare, l'esecutivo ha confermato che non ci saranno sequel diretti a Game of Thrones , né è interessato a perseguire le storie di personaggi esistenti come Arya Stark e le sue avventure a ovest di Westeros. Lui ha spiegato,

"In parte, voglio che questo spettacolo – lo show di Game of Thrones, [DB Weiss e David Beinoff] – sia la sua cosa. Non voglio prendere personaggi da questo mondo che lo abbiano fatto magnificamente e rimandarli in un altro mondo con qualcun altro che lo ha creato. Voglio lasciare che sia il pezzo artistico che hanno. Questo è uno dei motivi per cui non sto cercando di fare lo stesso show. George [RR Martin] ha un mondo enorme e massiccio ; ci sono tanti modi per farlo. Ecco perché stiamo cercando di fare cose che si sentono distinte – e di non provare a rifare lo stesso spettacolo. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui, in questo momento, un sequel o prendere in mano uno degli altri personaggi non ha senso per noi. "

Bloys ha anche respinto l'idea che la scorsa stagione di Game of Thrones non avrebbe avuto alcun effetto sul prossimo programma di Goldman.

"Non c'è nessuno scenario in cui Jane abbia visto l'episodio e abbia detto, 'Oh, è meglio che cambi questa, quella o l'altra cosa.' Stiamo provando ad avere uno spettacolo che sembra il suo show all'interno dell'universo, ma non stiamo cercando di replicare lo stesso spettacolo. Non sono gli stessi personaggi, non sono le stesse dinamiche. Non è che stiamo prendendo lo spettacolo esistente e dicendo, 'X, Y e Z hanno funzionato, quindi facciamolo.' È uno scrittore, creatore e sentimento diverso e un mondo diverso. Non c'è nulla che stiamo prendendo da questa stagione e applicandolo a questo in qualsiasi modo. … Alcune persone hanno sentito che [è stato affrettato] e alcune persone no. Non c'è niente che prenderò da questa stagione e lo applicherò agli spettacoli dei successori. Ecco come lo guardo. "

La serie di Goldman è destinata a interpretare Naomi Watts accanto a Naomi Ackie, Denise Gough, Jamie Campbell Bower e altri. Se il pilota arriva con successo, potremmo vederlo colpito da onde radio già nel 2020.

(Fonte: Consequence of Sound)

Commenta su Facebook
Precedente The Long Walk di Stephen King è un regista Successivo BTS esegue "Boy with Luv" durante il finale di The Voice: Watch

Rispondi