Damon Albarn dice che la musica “ha bisogno” di essere più politica

Lo scorso novembre, Damon Albarn e il resto di The Good, The Bad & The Queen hanno finalmente pubblicato il loro atteso album del secondo anno, Merrie Land . Mentre la band parlava di Consequence of Sound in una carrellata Track By Track dell'eccellente disco, l'LP è pieno zeppo di riferimenti politici.

"Scritto nella tumultuosa scia della Brexit, l'album potrebbe essere il primo ad offrire una contabilità così vividamente impressionistica delle ricadute (e sempre inaspettate) del referendum 2016 in patria e all'estero", ha scritto il nostro Tyler Clark, che ha diretto il Intervista sul TBT.

Ora, Albarn spera che gli altri seguano il suo esempio, come sottolinea NME . In un'intervista rilasciata domenica alla Gemma Cairney di BBC Radio 6, ha insistito sul fatto che è ormai necessario che gli artisti prendano più posizioni politiche nella loro musica, specialmente quando si parla di Brexit, una decisione fondamentale che Albarn considera "così deprimente".

(Leggi: Una playlist punk per i Dying Days di Donald Trump )

"In apparenza, ha senso per me rimanere amico dei tuoi vicini – sembra solo un comune buonsenso", ha detto Albarn in un convegno sulla scelta del Regno Unito di ritirarsi dall'Unione Europea, che ha avuto un sacco di implicazioni economiche e culturali. "In un quadro più ampio, le licenze date ad alcune delle idee davvero tragiche che la gente nutre al momento, è la tragedia della Brexit. Ha aperto un vaso di Pandora. "

Cairney ha poi sottolineato come la musica sia diventata più politica come risposta ai recenti eventi politici. "Ha bisogno di – davvero, davvero bisogno", intervenne il membro di Blur e Gorillaz . "La musica dei selfie non è sostenibile. Ho fatto una melodia selfie? Probabilmente ho provato a farlo ma la mia natura innata e ottusa mi ha impedito di farlo correttamente. "

Quando si parla di "selfie music", Albarn probabilmente parla di materiale che riguarda principalmente le osservazioni sul sé, piuttosto che commentare il mondo in generale. Nel 2015, per NME , la rocker britannica ha sbattuto altri musicisti per non parlare più di "cosa sta succedendo là fuori". "È la generazione di selfie", disse all'epoca. "Stanno parlando delle banalità."

Ascolta l'intervista completa di Albarn per la BBC Radio 6 qui .

Nelle notizie correlate, Thom Yorke di Radiohead ha paragonato la Brexit ai "primi giorni del Terzo Reich" nella Germania nazista. Taylor Swift, nel frattempo, ha promesso di essere più politicamente attivo sulla scia delle elezioni di Donald Trump. (Ha mantenuto la sua parola fino ad ora.)

Albarn si è riunito con Blur durante un recente concerto Africa Express. Lui e il suo progetto Africa Express hanno appena pubblicato un nuovo EP chiamato MOLO , con l'intenzione di pubblicare un album in estate.

Rivisita il singolo Merrie Land "Nineteen Seventeen" di seguito. "Ci sono due modi in cui puoi sentire la canzone, in termini di testi. È come una lettera a qualcuno che stai lasciando – stai lasciando qualcuno o ti stanno lasciando ", ha spiegato la band a CoS. "In un certo senso, potresti riferirti alla situazione attuale con la quale siamo coinvolti con il Regno Unito e l'Europa. Ci sono dei paralleli lì, in qualche modo. "

(Fonte: Consequence of Sound)

Commenta su Facebook
Precedente Kanye West vende i "vestiti della chiesa" del servizio domenicale a Coachella Successivo Florence and the Machine "Jenny of Oldstones", colonna sonora dell'ultimo episodio di Game of Thrones: Stream

Rispondi